Roma Oggi

Storie e Segreti Lawrence d'Arabia voleva cambiare i confini del mondo Dopo la presa di Aqaba, avvenuta nel luglio del 1917...
(continua)

Rubriche
Libri Rari
Elogio del dubbio
Storie e Segreti
La Frase
Miti e Civiltà
Utilità
Orari Treni
Orari Aerei
Mappe delle Città
Cucina Etnica
Meteo
Pagine gialle
Oroscopo
Grafologia
Oggi al Cinema
 

Roma, QUINTO quarto, esposizione dell'artista Minya Mikic alla Galleria della Tartaruga
di ProfessioneArte.org

Minya Mikic, DAL DELTA ALLE SORGENTI DEL LINGUAGGIO
di Andrea Romoli Barberini



Un “racconto” visivo in chiave squisitamente aniconica che, nel negare ogni referenzialità dell’immagine, consente ai segni di generarsi e organizzarsi liberamente per ricostituire, quasi si trattasse di un’esperienza di laboratorio, la fase embrionale del linguaggio.
In questa sofisticata contraddizione, che formalmente include alcune componenti della cultura informale per negarle con la programmaticità degli obiettivi della ricerca, risiede il nodo centrale dell’esperienza pittorica più recente di Minya Mikic.
Un “racconto”, una narrazione, s’è detto, la cui sintassi va cercata nell’opera e al di fuori di essa, nel nesso, talvolta insospettabile, che lega un elaborato all’altro in un rapporto di causa ed effetto e che, come più volte affermato dalla Mikic, tende a restituire allo sguardo una sorta di storia della comunicazione rielaborata e, in certo senso, rivissuta nella dialettica tra segno e materia, propria della pittura.
A guardare nel recente passato di questa artista è possibile rintracciare anche una significativa rettifica di percorso, quasi un pentimento, che non smentisce la coerenza del suo corpus pittorico ma che anzi ne esalta il rigore, quasi a voler spostare ancora più indietro nel tempo il punto di partenza di questa sua complessa ricognizione.
Il riferimento va a quella pur accattivante serie di opere in cui si potevano distinguere lacerti figurali, memori delle pitture rupestri preistoriche, discretamente inseriti nei supporti come una sorta di indizio cronologico, di indiscutibile forza evocativa, concesso all’osservatore.
Frammenti di forme referenziali, tentazioni iconiche, del tutto sparite dalle opere più recenti senza conseguenze sulla “riconoscibilità” dell’artista che resta efficacemente affidata al clima arcaico che scaturisce, in questi manufatti al pari di quelli passati, da una materia spessa e porosa, solcata da segni di vario registro. A una gestualità viscerale che graffia le superfici con diversa energia, si uniscono infatti calligrafici arabeschi e modulazioni materiche regolari, ottenute con stampi elementari proprio alla maniera di certe soluzioni preistoriche.
I supporti così organizzati nelle loro seducenti trame segniche e nella ridondanza di una materia fatta di terre e pigmenti, si presentano come veri e propri palinsesti pittorici, stratificazioni di superfici diverse e sovrapposte individuabili grazie alle loro stesse discontinuità, ai solchi, alle cavità, ai rilievi che rinviano ad epoche, ere diverse. Sono le sedimentazioni di un istinto comunicazionale che, nella sua fase magmatica, precede la codificazione dei segni.
Una pittura da interpretare quindi come una sorta di esperienza metalinguistica che sembra voler risalire il grande fiume del linguaggio, a partire dalla complessità del suo delta, dato dal nostro presente, per raggiungere la sua sorgente, e con essa il grado zero della comunicazione.
La necessità di far coesistere e interagire, nello stesso manufatto, segni di epoche diverse ha da qualche tempo imposto all’artista l’utilizzo di materiali trasparenti in luogo delle tradizionali tele.
La Mikic, attraverso l’uso e la lettura bifronte di questi nuovi supporti esalta l’idea di successione e sovrapposizione temporale del segno, dal passato al presente, dalla materia per la rappresentazione al qui e ora della realtà viva e presente e viceversa, concedendo così all’opera la possibilità di una contaminazione, dinamica e mai stabile grazie alla trasparenza che ingloba azioni e situazioni del mondo circostante.
Ben al di là del concetto tradizionale di quadro, queste opere, come dimostrato dalle sperimentazioni condotte dall’artista nei luoghi della vita comune (spiagge, monumenti storici), cercano ora una diretta relazione con la realtà, non intesa come possibilità rappresentativa, ma come occasione di appropriazione, condivisione e contaminazione. Una pittura che ora, consapevolmente, senza negare e anzi radicalizzando la sua identità disciplinare, cerca un rapporto diretto e simultaneo con il seducente divenire dell’irrefrenabile performance del mondo nell’incontrollabile complessità dei suoi segni.

QUINTO quarto


Sito ufficiale: www.minya.it
Il Sito dell'artista su ProfessioneArte.org: Minya Mikic

GALLERIA DELLA TARTARUGA
VIA SISTINA 85/A -00187 ROMA TEL/FAX 06.6788956
ORARIO DI GALLERIA: 10-13 e 16.30-19.330
CHIUSO I ESTIVI E IL LUNEDì MATTINA

www.galleriadellatartaruga.com

 
 
Elogio del Dubbio

Il rebus irrisolto dei cerchi nel grano


di Ruggero Marino
Archivio Notizie
Roma, QUINTO quarto, esposizione dell'artista Minya Mikic alla Galleria della Tartaruga
I nuovi giardini dell'Ara Pacis
Crollo Domus Aurea, Carandini: «Si teme anche per Villa Adriana»
Lazio, la Polverini vince sul filo di lana: «Li abbiamo polverizzati»
Addio a Van Wood, muore a 83 anni l'ultimo «pezzo» del trio Carosone
Distributore di preservativi nel liceo Keplero, ok dei prof, no del Vaticano
Torna alla luce sulla Prenestina la casa dei Tarquini
Guida sicura, corsi per 3.800 ragazzi
Regione Lazio, intervista doppia alle candidate Governatrici Emma Bonino e Renata Polverini
Parco di Monte Mario, quarto sgombero di clochard in dieci mesi
Siti Utili
Comune di Roma
  Vigili Urbani
Vigili del Fuoco
Provveditorato agli Studi di Roma
Copyright © AKME' S.r.l.